Via Portuense 574
00149 Roma
Tel 06 31070188
Fax 06 64493804

Iris Italia - Assistenza a Domicilio | Luteina: una sostanza nutritiva in grado di prevenire il decadimento cognitivo

 04 Ago 2017

Può prevenire il decadimento cognitivo, assumere cibi come spinaci, uova, avocado e cavoli che sono ricchi di luteina, una sostanza nutritiva che previene il declino cognitivo. E’ quanto si evince da uno studio americano, secondo il quale, gli individui mostrano un declino con l’avanzamento dell’età.  

La ricerca è stata condotta su un gruppo di circa 60 partecipanti di età compresa tra i 25 anni ed i 45 anni, con l’obiettivo degli studiosi di ricercare se esistono notevoli differenze a livello celebrale, tra le persone che assumono la luteina e quelli che invece ne presentano livelli bassi.

I ricercatori, constatando che la luteina è una sostanza che non viene generata dal corpo umano ma si assume mediante una dieta e si immagazzina nel cervello e negli occhi, gli ha permesso di identificarne i livelli in ciascun individuo senza utilizzare tecniche invasive per la sperimentazione. Invitando i volontari a guardare una luce fissa dentro un telescopio, gli studiosi hanno potuto stimare i livelli di luteina correnti  nei loro occhi. La ricerca è continuata chiedendo ai medesimi volontari di elaborare un test cognitivo che richiedeva molta concentrazione, apponendo sul loro cuoio capelluto degli elettrodi al fine di monitorarne la loro attività neuronale.

La ricerca ha fatto emergere che le persone intorno alla mezza età che presentavano livelli più alti di luteina, hanno elaborato il test meglio rispetto a coloro che ne presentavano livelli più bassi. Presentavano anche più attinenze neuronali con i giovani rispetto ai loro coetanei.

Secondo i ricercatori, quindi, la luteina può prevenire l’invecchiamento cognitivo favorendo il cervello a rimanere giovane poiché i volontari più anziani con livelli di luteina alti, presentavano maggiori affinità con i volontari più giovani rispetto invece ai loro coetanei.

In conclusione, la luteina può tutelare il decadimento cognitivo e occorrerebbe invogliare le persone a consumare cibi che la contengono nella fase della loro vita in cui possono ottenerne maggiori benefici.